Noio volevan savuar l’indirisss
25/09/2017
La storia delle Halles di Parigi
09/10/2017
Tutti

Partecipa alla Nuit Blanche con IP e CIWY !

Ottobre per me è sempre stato e sarà sinonimo di Notte bianca: perché la prima edizione fu nel 2002, anno del mio arrivo a Parigi, e perché fu lei ad accogliermi tre giorni dopo il mio sbarco in questa città. Ancora frastornata dal viaggio, dall’iscrizione all’Università, dal fatto di vivere con altre due coinquiline in 20m quadrati, assetata di nuove conoscenze e di nuove esperienze, quel lontano ottobre 2002 Parigi mi accolse nella sua sontuosità notturna, le sue luci, i suoi spettacoli d’avanguardia… e l‘Hôtel de Ville mi apriva le sue porte in un mix di luci, suoni e colori!

Ogni anno quindi, il primo sabato di ottobre, cerco di non perdermi questo evento partito da Parigi e che si è poi esteso ad altre numerose città d’Europa.

Il tema di quest’anno

Sotto la direzione artistica di Charlotte Laubard, il tema di quest’anno è Faire oeuvre commune:

La costruzione identitaria, la memoria collettiva, i modi in cui interagiamo, tutto ciò che ci caratterizza come comunità sarà al centro dei dispositivi di questa Notte Bianca.

Charlotte Laubard

La notte del 7 ottobre si celebrerà la creazione collettiva, verrano mostrati progetti artistici che utilizzano diversi modi di collaborazione, oppure opere che rappresentano il fare-comune o si interrogano sulla nozione di comune. Dal binomio al collettivo di artisti, dal gruppo pluridisciplinare ai dispositivi che richiedono la partecipazione del pubblico, saranno presentati progetti che cercano di far muovere le linee, le percezioni, le rappresentazioni. Questa Notte Bianca si svolgerà nei luoghi di incontro emblematici del melting-pot parigino: le rive della Senna, le Halles, République, il quartiere de La Chapelle più a Nord.

Lo spirito della Nuit Blanche

Vi ricordo che il concetto della Nuit Blanche è estremamente artistico, non si tratta di una nottata di festa, ne di una nottata di baldoria, ma di una nottata in cui si passeggia per Parigi scoprendo le varie installazioni proposte e seguendo il tema della nottata. Due passi… delle luci, ancora due passi… un’installazione video, una fermata di metro… una performance nascosta in un cortile…

Come per la fête de la musique, se volete evitare le code interminabili e il caos, studiatevi bene il programma in anticipo, prevedete da prima una passeggiata ben definita e soprattutto evitate le installazioni più pubblicizzate e centrali.

pub1

Partecipa alla Nuit Blanche con Italiani pocket e CIWY

L’associazione CIWY propone delle passeggiate gratuite in francese e altre lingue (indovinate chi fa quella in italiano? Eheheheh!) sul percorso della Nuit Blanche, per condividere un momento conviviale e artistico.
ATTENZIONE! Non si tratta di visite guidate, ma di ambasciatori che condivideranno i loro percorsi con voi per passeggiare insieme. Vi invito a leggere cos’è CIWY (in QUESTO articolo) per capire meglio il principio dell’iniziativa.

Clicca qui per iscriverti a una delle passeggiate (attenzione, posti limitati!)

Per saperne di più sulla Nuit Blanche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi