Cercare lavoro a Parigi
06/04/2016
Max Gazzè alla Bellevilloise – vinci un ingresso !
18/04/2016
Tutti

La carte vitale

© GILE MICHEL/SIPA

© GILE MICHEL/SIPA

La copertura sanitaria è uno scoglio abbastanza duro da affrontare al nostro arrivo a Parigi. Abbiamo trovato casa, aperto un conto in banca, fatto un abbonamento del telefono, adesso dobbiamo cominciare a pensare al futuro e a usufruire del sistema sanitario francese con meno stress possibile!

Il passo molto ostico da affrontare è avere un numero di sécurité sociale (con annessa Carte Vitale), che vi permetterá di essere inseriti nel sistema sanitario francese e quindi beneficiare più facilmente dei rimborsi per le spese mediche: il sistema è molto complicato, ma cercheró di indicarvi i passi pratici da compiere.

Per saperne di più potete visitare il sito ufficiale, ma le informazioni sono ben criptate e difficili da trovare.

Se avete bisogno di un’assistenza personalizzata per ottenere la copertura sanitaria posso aiutarvi tramite Paris pocket – Facilitateur de vie® ! È uno dei servizi più richiesti, ormai sono una specialista! 🙂

Premesse

  • In quanto europei siete coperti dall’Italia. Portate sempre con voi la TEAM (tessera sanitaria europea) e avrete accesso a tutto, con l’unica differenza che dovrete sempre anticipare i soldi per poi farvi rimborsare (vedi più in basso per i dettagli sui rimborsi).
  • In quanto europei NON C’È BISOGNO DI AVERE UN NUMERO DI SECURITE SOCIALE PER ESSERE ASSUNTI. Non possono rifiutare di assumervi perché non avete un numero di sécurité sociale in quanto le pratiche di affiliazione deve farle l’azienda (in teoria!!). Se il vostro futuro datore di lavoro non è al corrente (capita al 99% dei casi) fategli leggere le informazioni ufficiali che trovate QUI (poi andate al punto 3 e 4).
  • Gran parte delle informazioni qui di seguito sono prese dal sito del CLEISS (Centre des Liaisons Européennes et Internationales de Sécurité Sociale), per qualsiasi situazione che non appaia nel post vi invito a visitare direttamente il sito o a contattarmi su Paris pocket per uno studio personalizzato della vostra situazione.

Tutte le informazioni su come funziona il sistema sanitario francese in generale le trovate QUI

A cosa serve la carte vitale?

La carte vitale è il supporto fisico in cui sono inserite le vostre informazioni e il vostro numero di sécurité sociale e facilita i rimborsi di ordine medico: dalla farmacia, al medico di famiglia, allo specialista. L’importante è avere un numero di sécurité sociale, la carte vitale sarà il passo successivo. Questo numero fa anche le veci di codice fiscale e vi sará chiesto molto spesso per tutto ciò che è amministrativo.

Come ottenere un numero di sécurité sociale e poi la carte vitale?

1. SE VENITE A CERCARE LAVORO IN FRANCIA (siete quindi inattivi e non francesi) o avete un CONTRATTO DI LAVORO STRANIERO
Se arrivando in Francia siete senza lavoro, i primi tre mesi non potete essere coperti dalla Sanità Francese. Portate comunque con voi la Tessera Sanitaria Europea (TEAM) per  farvi rimborsare con quella finché non troverete un lavoro.

Se siete ancora inattivi dopo TRE MESI di residenza in Francia, potete richiedere l’immatricolazione su criteri di residenza, ma solo ed esclusivamente se potete giustificare tre mesi di residenza stabile in Francia con i famosi justificatifs de domicile.

ATTENZIONE perché non avendo risorse francesi (e quindi non pagando le tasse in Francia), ed essendo già coperti dall’Italia, in questo caso sarà difficilissimo (vedi impossibile) essere inseriti nella copertura sanitaria francese. Vi consiglio vivamente di aspettare di avere un lavoro e nel frattempo usare la copertura italiana.

SE AVETE UN CONTRATTO DI LAVORO STRANIERO in cui c’è scritto che dovete lavorare in Francia (siete quindi détachés), questo vuol dire che è l’Italia che continua a pagare, ma che potete passare dalla Francia per i rimborsi. Per fare richiesta dovete quindi richiedere il modulo S1 da presentare in Francia quando farete la domanda di Carte Vitale.

2. SE SIETE STUDENTI
Se avete la tessera sanitaria europea oppure un modulo S1, potete iscrivervi a una scuola superiore (Università o quant’altro) e non essere obbligati a iscrivervi alla copertura sanitaria francese.

Se non possedete nessuno di questi documenti o preferite essere integrati nel regime francese degli studenti, dovete iscrivervi SU QUESTO SITO. Una volta ricevuto il numero di sécurité sociale potrete poi optare (se volete, ma non è obbligatorio) per una mutuelle che coprirà le spese non prese in conto dallo Stato.

A partire dalla rentrée 2018 la copertura studenti diventa quindi gratuita, ma dovrete versare 90€ all’anno per favorizzare l’accoglienza, l’accompagnamento sociale, sanitario, culturale e sportivo degli studenti.

3. SE COMINCIATE A LAVORARE (cioé avete già un contratto di lavoro francese)
Tra le tante scartoffie che vi chiederanno all’assunzione c’è, chiaramente, il numero di Carte Vitale che voi ancora non avete, don’t panic! All’assunzione quello che dovete fornire è il numero di tessera sanitaria europea ed eventualmente il modulo S1 se lavorate per un’azienda italiana e siete in missione in Francia, poi è il datore di lavoro che deve fare le pratiche per farvi avere la Carte Vitale (ma al 90% non lo farà, quindi vedi punto seguente).

4. SE AVETE UN CONTRATTO E ALMENO UNA BUSTA PAGA FRANCESE
In teoria è la vostra azienda che deve spedire tutti i documenti per farvi ricevere la Carte Vitale, ma siccome non capita MAI, perché non sanno come funziona per gli stranieri, vi consiglio di attivarvi il prima possibile per occuparvene voi (continua  aleggere il post per sapere come fare)

5. SE SIETE INATTIVI, MA IL VOSTRO PARTNER HA GIÀ UN NUMERO DI SECURITE SOCIALE
L’opzione di potersi aggiungere come bénéficiaire sul numero di sécurité sociale del partner non esiste più dal 1° gennaio 2018. Se siete inattivi potete fare richiesta di un numero di sécurité sociale dopo tre mesi di residenza (dimostrabile) in Francia, ma… vedi punto 1.

6. SE AVETE FIGLI MINORENNI E ALMENO UNO DEI GENITORI HA UN NUMERO DI SECURITE SOCIALE
Il genitore con il numero di sécurité sociale deve richiedere il rattachement d’un enfant mineur.

7. SE SIETE PENSIONATI
Se siete in pensione e volete stabilirvi in Francia, per richiedere la Carte Vitale dovete recuperare il modulo S1 in Italia.

Che documenti servono?

Ogni CPAM, a seconda della vostra situazione, potrebbe (e dico potrebbe!) richiedervi documenti diversi, ma di sicuro dovrete fornire:

Le tempistiche

Nel caso più semplice (cioé se avete un lavoro e quindi pagate le tasse), ci vorranno in media 4/5 mesi perché la domanda sia registrata e per ricevere prima il numero provvisorio, poi quello definitivo e alla fine il modulo per fabbricare la Carte Vitale.

Se dopo un paio di mesi non avete ricevuto neanche il numero provvisorio c’è stato un problema, vi consiglio quindi di contattare la CPAM al 3646 rapidamente per avere notizie sul vostro dossier.

Come farsi rimborsare le spese mediche?

1. SE AVETE SOLO LA TEAM
Inviate alla vostra CPAM i seguenti documenti per farvi rimborsare dalla Francia:

  • Fotocopia TEAM
  • RIB francese
  • Giustificativo di domicilio francese
  • Feuilles de soin originali datati e firmati (è il foglio bianco e marrone che vi dà il medico)
  • Ricette e fatture che dimostrano la spesa fatta

2. SE AVETE UN NUMERO DI SECU MA NON LA CARTE VITALE (o se il medico/struttura non prende la carte vitale)
Ogni volta che andate dal medico o in farmacia, vi daranno una feuille de soin in cui c’è scritta la prestazione ottenuta e quanto avete pagato. Dovete scriverci sopra il vostro numero di sécurité sociale, datare, firmare e spedire alla vostra CPAM.

3. SE AVETE LA CARTE VITALE
È Tutto automatico, basta presentarla e il resto lo fa il Grande Fratello.

Dove inviare i documenti?

A seconda del vostro indirizzo dipendete da una CPAM (Caisse Primaire d’Assurance Maladie) specifica. Ogni tipo di documento va inviato per posta (semplice! Non spendete soldi in raccomandate!) all’indirizzo della VOSTRA Cpam di riferimento.

Per trovare l’indirizzo postale della vostra CPAM cliccate QUI.

Informazioni varie (DA LEGGERE)

  • La Carte vitale è solo il supporto fisico in cui è inserito il vostro numero di sécurité sociale, l’importante è avere un numero di sécu
  • La TEAM italiana è valida se venite TEMPORANEAMENTE in Francia, se decidete di vivere all’estero iniziate le pratiche di affiliazione il prima possibile, perché non vi servirà solo per le spese mediche ma per un sacco di altre cose.
  • L’iscrizione all’AIRE (e quindi la cancellazione dalla sanità italiana) è OBBLIGATORIA (tutte le info QUI).

830 Comments

  1. Delfina ha detto:

    Ciao!

    Sono ufficialmente residente a Parigi (AIRE approvato) e sono auto-entrepreneur, sto provando ad ottenere la carte vitale ma non posso farlo tramite Amelie.fr. Possiedo già il numero di sicurezza sociale, numero fiscale, SIRET e SIREN.

    Come posso richiedere questa carta? E’ necessaria per ottenere il medico di base qui a Parigi? Cosa mi consigli?

    Grazie!

    • IP ha detto:

      Ciao Delfina,
      ti consiglio innanzitutto di leggere il post (links annessi compresi) e se veramente hai un numero di sécurité sociale devi innanzitutto creare un account sul sito AMELI per richiedere la fabbricazione della Carte Vitale.
      Se il sito non riconosce il tuo numero di sécurité sociale vuol dire o che non è un vero numero (se non hai fatto nulla per averlo è probabile che sia solo un numero tecnico) o che devi sbloccare l’account chiamando il 3646, il numero della CPAM.
      Per tutte le informazioni sull’Autoentrepreneur ti consiglio questo sito : https://www.federation-auto-entrepreneur.fr/

  2. Fortunato ha detto:

    Ciao, sono da poco ritornato in Italia dopo un periodo Erasmus, avendo sostenuto qualche spesa medica ho chiesto il rimborso alla CPAM inviando tutti i documenti e specificando in una lettera che ho diritto al rimborso essendo cittadino europeo dotato di CEAM. Essendo passato un mese e non avendo ancora ricevuto il rimborso ho telefonato alla CPAM e mi hanno risposto che non ho diritto al rimborso perché non ho il n° di Securité Sociale… Che sia stata un’impiegata poco informata? O sono cambiate le regole? O peggio devo presumere che non vogliano rimborsarmi?
    Proverò a risentirli, ma non so bene cosa fare, certo non ritorno in Francia per prendere 4 documenti… Voi avete dei consigli?
    Grazie mille

  3. C. ha detto:

    Ciao! Avrei bisogno di una mano e di tranquillizzazione.

    Ho finito l’anno scorso il master in Francia e a fine 2019 sono andata a chiedere informazioni a due Caisse Maladie per come fare per essere inserita. Non sono iscritta all’Aire, voglio farlo, ma quel che mi han detto mi ha messo ansia. In sintesi mi han consigliato di non cancellarmi finché non trovo lavoro qui (ora ancora più difficile) perché non possono inserirmi in altro modo e che la PUMA non è per gli europei…
    Consigli?

  4. Gaia ha detto:

    Ciao! Come al solito il tuo sito mi aiuta un sacco!
    Volevo chiederti se per la carte vitale è obbligatorio il rib francese 😅

  5. Phil ha detto:

    Ciao! Sito utilissimo!
    Sono stata assunta qui in Francia e devo cominciare le pratiche per la copertura sanitaria. È necessario staccarsi dal sistema sanitario italiano per inviare la demande d’affiliation o questo passaggio si può fare anche dopo aver ricevuto la carte vitale? Premetto che non sono iscritta all’AIRE. Ti ringrazio!

      • Phil ha detto:

        Ti ringrazio! Quindi se ho capito bene devo prima assicurarmi di essere coperta in Francia. Quando poi mi iscriverò all’AIRE, procederò alla resiliazione della copertura sanitaria italiana.
        L’operatrice del CPAM mi ha detto che non posso inviare la demande d’affiliation se sono coperta in Italia, ma deduco che non sia così…

        • IP ha detto:

          Gli operatori CPAM sono abbastanza ignari del diritto europeo purtroppo, se hai una busta paga vuol dire che paghi le tasse in Francia, quindi puoi fare domanda senza problemi. 😉

          • Phil ha detto:

            Avrei un’altra domanda, perdonami 🙂
            Se sono in attesa del mio numero di sécurité sociale ma lavoro qui in Francia, sono comunque coperta dal sistema sanitario francese?
            Il mio datore di lavoro ha l’obbligo di immatricolarmi quando mi assume, ma non capisco se questo indica che ho una copertura sanitaria.

  6. Luigi ha detto:

    Buongiorno,

    Comincerò a lavorare a Parigi da Settembre e devo iscrivermi all’AIRE. Tra i vari documenti che mi sono richiesti figura una prova di domicilio come una bolletta o una qualsiasi mail ricevuta dal governo. Essendo l’appartamento che prenderò in affitto legato ad una formula contrattuale all-inclusive (non pago nessuna bolletta o spesa extra a mio nome), posso aprire un conto con una sim online e utilizzare le fatture che mi invieranno al mio indirizzo come prova di residenza?

    Grazie mille e buona giornata!

  7. Silvia Sabia ha detto:

    Ciao e grazie per quello che fai…io ho fatto domanda all’assurance maladie ma mi è stata rifiutata perché ho dato l’attestation d’hebergement che era prevista visto che ancora non avevo una casa, e perché dicono che devo mandare l’attestazione di chiusura della copertura sanitaria in italia…ma è vero? Come ho letto qui è difficile averla se non hai lavorato in francia ma vista la situazione ora è difficile…come faccio a mandare il mio cambio di residenza visto che non ho un account? E come posso contattarli se al numero non rispondono? Hai qualche suggerimento? Grazie

    • Silvia Sabia ha detto:

      Non so se mi sono espressa bene , quando ho fatto la domanda ero ospitata ora sono in affitto. Ed almeno queste informazioni potrei fornirgliele ma nom so come inviare e che rispondere riguardo la chiusura della copertura sanitaria in italia…grazie

      • IP ha detto:

        Ciao Silvia, in questo momento è chiaramente tutto bloccato perché il sistema sanitario deve gestire altre urgenze. Quando saremo tornati a una situazione “normale” invia per posta quello ti chiedono, sempre. Se non hai mai lavorato in Francia e non sei iscritta all’AIRE sei coperta dall’Italia, non puoi quindi fornire il documento che chiedono.
        Tutte le info qui:
        – Caso 1 del post : SE VENITE A CERCARE LAVORO IN FRANCIA (siete quindi inattivi e non francesi) o avete un CONTRATTO DI LAVORO STRANIERO
        oppure
        https://www.italianipocket.com/il-sistema-sanitario-francese-in-pratica
        https://www.italianipocket.com/iscrizione-aire

        A presto

        • Silvia Sabia ha detto:

          Grazie mille! Fra i documenti che mi chiedono c’è però una dichiarazione di fine copertura sanitaria in italia…ma esiste questa cosa? Leggendo il tuo post ho capito che sarà più facile quando lavorerò ma visto che per ora è tutto fermo avere una carte vitale e un numero di sicurezza sociale non sarebbe stato male vista la situazione. Grazie ancora

    • Nunzio ha detto:

      Buona sera ma per lo chômage technique si deve avere La carta vitale ho basta avere un contratto francese

  8. nicol ha detto:

    buongiorno, sono in possesso della carta vitale con nm di securite’ sociale definitivo. ho delle spese mediche da farmi rimborsare ma la mutuelle mi ha detto che non posso avere alcun rimborso in quanto non ho un iban francese .inoltre mi hanno detto di non spedire nulla neanche all’assurance maladie perche’ neanche loro accettano iban italiano. ho fatto pero 10 giorni di malattia e mi sono stati rimborsati tramite un assegno . saprebbe dirmi perche’ la mutuelle si rifiuta di pagarmi? grazie in anticipo per la risposta.

  9. CHRISTIAN ORRU ha detto:

    Salve, lavoro qui dal 5 novembre, e ancora non ho un numero di previdenza sociale, e possibile inviare i documenti per richiederne uno tramite posta elettronica_ Grazie

  10. Federica ha detto:

    Sono tornata a vivere in Italia e non sapevo bene come annullare l’assistenza sanitaria in Francia.
    Sul mio conto ameli non ho trovato uno spazio dedicato all’annullamento quindi, ormai più di un mese fa, ho semplicemente cambiato l’indirizzo registrando il mio nuovo indirizzo italiano. Ma ad oggi il mio conto ameli risulta ancora attivo non so se devo fare altro per annullare l’assistenza sanitaria e la carte vitale…qualcuno ne ha idea? Sapete aiutarmi?
    Grazie
    Federica

    • IP ha detto:

      Ciao Federica, se hai comunicato il nuovo indirizzo ed è stato registrato non devi fare nient’altro. A presto

      • Federica ha detto:

        Grazie!
        Non ho parlato con nessuno dell’agenzia, data la situazione d’emergenza credo che questo passi comprensibilmente in secondo piano, ma facendo ulteriori ricerche su internet sembrerebbe che il modo per annullare l’assistenza sanitaria francese sia di compilare e spedire alla mia CIPAM il modulo “Déclaration de transfert de résidence hors de France ” allegando la carte vitale. A qualcuno risulta?

        Grazie ancora!
        Federica

        • IP ha detto:

          Ciao Federica, come ti dicevo se il tuo nuovo indirizzo è ben registrato nel tuo account non devi fare altro. Il modulo di “tranfert” è una formalità in più che puoi fare ma se nel tuo account c’è il tuo indirizzo italiano hanno già registrato lo spostamento.

          • Federica ha detto:

            Perfetto!
            Grazie ancora

          • Federica ha detto:

            Ho ricevuto la risposta sul mio profilo ameli la incollo qui, potrebbe essere utile

            “Dans votre message du 01.04.2020, vous nous informez de votre prochain
            départ à l’étranger.
            Pour cela, complétez le formulaire S1105 “Déclaration de transfert de
            résidence hors de France” disponible sur ameli.fr, rubrique “Formulaires”.
            Toute sortie définitive du territoire français entraine une fermeture de
            vos droits à l’Assurance Maladie, je vous invite donc à bien vouloir
            aussi nous restituer votre carte Vitale et le cas échéant, votre CEAM.
            Je vous rappelle l’adresse de votre caisse d’Assurance Maladie :…”

            Potrebbe essere che a volte basta cambiare l’indirizzo ma in ogni caso meglio informarsi.

            Grazie ancora,
            Federica

  11. Simone ha detto:

    Buongiorno e grazie per il notevole supporto che offrì.
    Mi trovo a Roquebrune Cap Martin vicino a Mentone e lavoravo a Monaco con contratto da “extra”.
    Sto facendo l’iscrizione al Pole emploi di Mentone e non sò rispondere alla domanda riguardo il mio numero di previdenza sociale.
    Ho varie buste paga ma in nessuna di esse è riportato questo numero.
    Come dovrei procedere?
    Spero mi sappia rispondere a questa situazione.
    Cordialmente
    Simone

    • IP ha detto:

      Ciao Simone, devi selezionare la casella “Je n’ai pas de numéro de sécurité sociale”. E per ottenere il numero di sécurité sociale basta seguire le informazioni del post. 🙂 A presto

  12. sofia ha detto:

    Ciao Elena,
    ho letto con attenzione il tuo post ma non ho trovato risposta al mio problema. Sarò a Parigi in servizio civile (nazionale francese, non internazionale) da marzo e non ho il numero di sécurité sociale, figuro come lavoratore o come categoria a parte?
    Eventualmente, quali démarches specifiche devo intraprendere?
    Grazie,
    Sofia

    • IP ha detto:

      Ciao Sofia non so come funziona il servizio civile, ma sei lavoratore se hai una busta paga e un contratto, altrimenti non rientri in questa categoria. A presto!

  13. Sandro Sproccati ha detto:

    Buon giorno, ho trovato molto utili le informazioni, e tuttavia c’è un punto che non ho compreso. In quanto iscritto all’AIRE da circa un mese, parrebbe che abbia preso la copertura italiana (nonostante io abbia tuttora la mia tessera sanitaria rilasciata in Italia). Ho anche ottenuto il modulo S1 dalla Ausl di competenza (Bologna) in cui è scritto tuttavia che sono assicurato in quanto cittadino italiano e l’ho consegnato, con la mia domanda, alla struttura francese di competenza (CPAM) de Cergy-Pontoise, dove mi hanno detto che occorrono diversi mesi per essere iscritto alla Assistenza sanitaria francese. Quel che non ho capito è se in questi mesi di interludio potrò contare su qualche forma di copertura o se qualsiasi spesa medica (anche per necessità molto gravi) sarà del tutto e soltanto a mio carico. Grazie! Sandro

  14. Sara ha detto:

    Buongiorno,

    Complimenti per la precisione.
    Vorrei chiederle delle informazioni: sto facendo un tirocinio di 5 mesi Erasmus plus in Francia; una parte è retribuita dal Conservatorio di Parigi, che mi ha assegnato una borsa tramite un documento europeo (learning agreement).
    Per avere la borsa mensile mi hanno chiesto carte vitale e l’attestation de droits à la sécurité sociale: posso dare la tessera sanitaria blu o devo fornire documenti francesi (che non ho)?

    Grazie e a presto
    Sara Belfiore

    • IP ha detto:

      Ciao Sara, ti devi armare di santa pazienza e fargli capire che sei coperta dall’Italia con la TEAM (tessera sanitaria europea) e che non hai la carte vitale francese, non ci sono altre vie se resti solo cinque mesi in Francia. Bon courage! :-p

      • Sara ha detto:

        Grazie, gentilissima! 😀

      • Donatella ha detto:

        Gentilissimi, ho preso un appuntamento per ottenere il numéro de sécurité sociale e, tra i documenti, mi chiedono l’attestation de droits italiana. Quando ho parlato della tessera sanitaria, mi hanno risposto che la tessera sanitaria corrisponde alla loro carte vitale, e che dovrebbe esistere un altro documento italiano che corrisponderebbe alla loro attestation de droits. Sapreste indicarmi qual è?
        Grazie mille

        • IP ha detto:

          Buongiorno Donatella, l’attestation de droits è un certificato in cui c’è scritto che hai una copertura sanitaria da tale a tale data. Non conosco l’amministrazione italiana quindi non so dirti se esiste un corrispettivo in Italia, se non esiste basta indicarlo alla CPAM. A presto

    • Matteo ha detto:

      Salve grazie innanzitutto per le informazioni. Ho ricevuto oggi l’attestato del numero di securite social provvisorio, dopo quanto arriva il definitivo? Devo integrare altri documenti?E soprattutto il pole emploi mi paga lo chomage con il provvisorio? Grazie

  15. sara ha detto:

    Salve, ho letto il vostro articolo riguardo la carte vitale, ma non trovo la risposta al mio problema.
    Sono andata all’Assistance maladie per fare la carte vitale e mi hanno dato un modulo da compilare come : Recherche de droits ressortissant europeen inactif. Tra i documenti richiesti mi chiedono une attestation de fin de droits de votre précédent couverture maladie e io non ho capito cosa è questa attestazione. Devo chiamare L’asl dove abitavo in Italia e chiedre di questa cosa? cioé io non ho capito cosa è..
    Grazie in anticipo,
    Sara. T

    • IP ha detto:

      Ciao Sara è un documento da richiedere in Italia che attesta che non sei più coperta dall’Italia. Non sei più coperta dall’Italia se sei iscritta all’Aire (obbligatorio). Se sei ancora coperta dall’Italia leggi il paragrafo “se siete inattivi”. A presto.

  16. Eleonora ha detto:

    Buongiorno, premessa abito in italia ma lavoro in francia e ho da poco ottenuto la carta vitale, ci è voluto un pò e nel frattempo ho cambiato casa, ho mandato il nuovo certificato di residenza ma loro continuano a mandare i documenti al vecchio indirizzo, come posso fare??

  17. Silvia ha detto:

    Ciao Elena,
    grazie mille per questo utilissimo sito e tutte le informazioni fornite.
    Vorrei chiederti un informazione in merito alla mia situazione.
    Sono arrivata a Parigi tramite un Tirocinio internazionale dall’Italia ora mi hanno offerto di rimanere
    per altri 6 mesi a contratto CDD e mi chiedono Carte securitè social, Residence Fiscal.
    Come faccio ad ottenere la residenza fiscale in Francia, di che documenti ho bisogno?
    Non il contratto di affitto perchè risiedo da una parente, quindi ho solo un attestation d’hebergement.
    Dovrei intestarmi una bolletta per dimostrare la mia residenza là? basta anche una bolletta del cellulare?

    Resto in attesa di un tuo gentile riscontro.

    Cordiali Saluti
    Silvia

  18. Roberta ha detto:

    Ciao Elena, innanzitutto grazie per questo sito è questi post-salvavita! Io ho bisogno di capire delle cose e spero tu possa aiutarmi 🙁

    -Siamo una famiglia di 4 persone (2 bimbi piccoli di 3 e 1 anni)
    – siamo italiani e dobbiamo trasferirci in Francia per un tempo indeterminato
    – io sono al momento disoccupata e mio marito lavora in Svizzera a Basilea

    A quanto ho capito leggendo un po’ ovunque, da perfetta ignorante in materia, mio marito dovrà mantenere la sua assicurazione Svizzera, noi invece dobbiamo scegliere se mantenere la nostra o usufruire di quella francese o entrambi.

    -Io e i miei figli possiamo avere quella francese anche se sono disoccupata?
    -Quanto costa mensilmente più o meno quella base?
    -Esiste un sito dove si possono paragonare i prezzi di quelle private complementari? (Mutuelle)

    Grazie mille in anticipo 🙏🏻
    Ti auguro una splendida giornata!

    Roberta

  19. Vins ha detto:

    Salve siccome la società a Parigi dove ho lavorato un anno e fallita orace entrata la Fides x pagarmi ma vogliono il numero di previdenza sociale e io nn lo nn ho la carta vitale come faccio a farmi dare i soldi o tanto mene avere il numero provvisorio?

  20. Francesca ha detto:

    Due domande: si può chiedere il rimborso anche per le visite da privati? Non ho capito se il rimborso, avendo SOLO la TEAM, vada chiesto alla ASL di competenza italiana o alla sanità francese.

    • IP ha detto:

      Ciao Francesca
      1. https://www.italianipocket.com/il-sistema-sanitario-francese-in-pratica (qui non esiste privato o pubblico, ma convenzionato oppure no)

      2. come preferisci. Se decidi la Francia vedi punto 1 del paragrafo “come farsi rimborsare”.

      a presto

      • Simo ha detto:

        Ciao a tutti sono qua per lavoro da 5 mesi con una contratto determinato voglio sapere come fa la domanda dì assegni familiari….
        Il mio familia ancora in Italia grazie mille

    • Carlotta ha detto:

      Salve sono Carlotta Maizi.
      Lavoro nella ristorazione (ora attualmente chiusa) a Parigi da tre mesi. I miei titolari l’altro ieri mi hanno chiamato per dirmi che senza n. Di assicurazione sociale non possono pagarmi i mesi di chômage partiel, e quindi dovrei richiedere ora la carte vitale.. volevo chiedere se é vero che non possono retribuirei senza questo codice, anche se prima che ero assunta tutto andava bene con la mia carta sanitaria europea? E se secondo voi c’è una speranza di avere la carte vitale in tempi brevi?
      Chiedo a voi perché é l’unico forum recente e dettagliato.
      Grazie in anticipo.
      Carlotta

      • IP ha detto:

        Ciao Carlotta, la CEAM ti serve unicamente quando si parla di sanità e rimborsi medici. Lo chômage partiel è pagato con le “cotisations sociales” che tu e il tuo datore di lavoro pagate ogni mese nello stipendio mensile.

        Quindi per rispondere alle tue domande:

        1. se non sei affiliata alla sécurité sociale francese (cioé se non hai un numéro di sécurité sociale, cioé una carte vitale) non sei identificata nel sistema francese e quindi è come se non pagassi le “cotisations sociales”, dunque non ti possono pagare lo chômage partiel. Spero di essere stata chiara. 🙂
        2. per richiedere l’affiliazione alla sécurité sociale basta leggere il post e i tempi chiaramente in questo momento non possono essere “brevi” visto che non lo sono neanche in tempi normali! :-p

        Nel frattempo ti consiglio di rivolgerti al Consolato o affini per capire se loro hanno una soluzione (non sei la sola in questa situazione) perché per ora per lo Stato francese purtroppo non esisti (il tuo datore di lavoro avrebbe dovuto affiliarti, ma non lo fanno mai… cfr il post).

        Bon courage!

  21. Naima ha detto:

    Sono di nazionalità italiana anche residente in Italia adesso sono in Francia per i studi quasi un anno adesso però non riesco a capire come posso avere la carte vitale o devo usare lo stesso la tessera sanitaria italiana fa le stesso e chiedevo e obbligatorio a cambiare la residenza anche per i studi perfavore fatemi capire queste cose grazie

  22. sabino ha detto:

    Buongiorno, mio padre è stato operato d’urgenza in francia, lui era qui per le vacanze.
    Come ci dobbiamo muovere per ottenere i rimborsi? A chi ci dobbiamo rivolgere? Paghiamo tutto e ci rivolgiamo all’asl in Italia?

  23. Vanda Buzzino ha detto:

    Grazie Marco ! Finalmente un po’ di chiarezza !
    Avrei bisogno di consigli ben precisi come sai fare tu :
    1- Ho 71 anni e vorrei venire ad abitare in Francia da mio figlio italiano , sposato con una ragazza francese , residente a Parigi per essere anche più presente nella vita di mia nipotina.
    2- ho una attestazione di domicilio presso mio figlio
    3- ho un conto in banca francese dove mio figlio mi versa puntualmente un mensile
    4- ho un telefono a mio nome
    5- l’iscrizione al AIRE non è un problema .
    6- lo scoglio da superare è la Carte Vitale .
    Mi sembra complicata la procedura …

    Nel mio caso e alla mia età me l’accorderanno?
    Come procedere?
    Mio figlio potrebbe fare qualcosa ?
    Grazie !
    Vanda Buzzino

  24. Emilio ha detto:

    Ciao carissima complimenti per il sito.
    Mi rivolgo a te siccome dopo uno stage non rémunéré di 3 settimane, Carrefour ha apprezzato il mio profilo promettendomi di farmi il sacrosanto contrat d’apprentissage, l’unico problema è che non avendo un numero di secu questi si rifiutano di farmelo firmare, io essendo da 4 mesi in Francia non ho ancora anche se ho già lasciato il mio dossier a la CPAm,giustificandosi con un “on peux pas t’embauche sans numéro de sécurité sociale car sa est obligatoire pour créé ton dossier de apprenti salarié”.
    Io siccome non è mi presento e dico è illegale tutto ciò di pregherei di dirmi nel modo più rispettoso possibile come rispondere a quest’ultimi che dopo avermi strizzato per e settimane come una spugna mi impediscono di fare questo benedetto CAP Boulangerie e percepire quei pochi spiccioli per sopravvivere autonomamente.
    Grazie in anticipo.

    • IP ha detto:

      Ciao Emilio, ho aggiunto l’informazione nel post:

      In quanto europei NON C’È BISOGNO DI AVERE UN NUMERO DI SECURITE SOCIALE PER ESSERE ASSUNTI. Non possono rifiutare di assumervi perché non avete un numero di sécurité sociale in quanto le pratiche di immatricolazione deve farle l’azienda (in teoria!!). Se il vostro futuro datore di lavoro non è al corrente (capita al 99% dei casi) fategli leggere le informazioni ufficiali che trovate QUI (poi andate al punto 3 e 4).

  25. Vale ha detto:

    Buongiorno, abito in Svizzera ed. Ho un’assicurazione complementare.
    So che i prezzi qui sono alti,vorrei andare direttamente in Francia per farmi controllare un dito che credo sia fratturato.In Francia avrei qualche spesa supplementare mostrando solo la mia tessera sanitaria?

  26. Marco ha detto:

    Buonasera elena,ti faccio i complimenti per tutte le informazioni interessanti che hai messo a disposizione di tutti,è da ieri che mi sto interessando e grazie a te ho potuto capire un minimo come funziona.
    Ho dei dubbi,provo a spiegarti la situazione,se eventualmente hai già scritto la soluzione che fa per me e non vuoi risp. Capirò.
    Questo è il terzo anno che vengo a lavorare in corsica,solitamente per periodi brevi che vanno da 1 a 2 mesi,sempre assicurato regolarmente(quindi se ho capito bene,ogni volta che vengo assunto ho anche una copertura servita dalla “mutuelle”.
    Ho la residenza in italia e il primo anno che sono venuto qua,appena ho iniziato a lavorare,credo la CPAM,mi spedisce una lettera a casa in italia dove mi chiedono di presentarmi con il foglio di nascita,cosi che,la volta dopo che torno in Corsica,vado all’ufficio a presentare il tutto ( ai tempi non avevo ben chiaro a cosa servisse,ma credo per farmi attestare un numero de secu provvisorio, non ricordo se gli ho dato anche il mio iban,ma se fosse,sarebbe del conto che ho in italia).
    Adesso ho dovuto usufruire di un medico e dopo di che di alcune medicine,in entrambi i casi mi sono fatto rilasciare il “feuille de soin”.
    1. Non ho capito se avendo la residenza in italia,anche io posso richiedere i rimborsi in Francia?!
    Se si:
    Immagino devo spedire i fogli alla mia CPAM come hai scritto.
    Ma se avessi la mutuelle,che mi sembra di aver capito sia migliore come cosa.
    2. Cosa devo fare per richiedere i rimborsi alla mutuelle?!
    3. Non avendo un conto in francia è possibile ugualmente avere un rimborso?!

    P.s. Leggendo nel web,ho letto che se lavoro all’estero come dipendente di un principale estero,l’italia non mi rimborsa le spese sanitarie.

    4 il mio numero di secu provvisorio si trova anche sulle buste paga o solamente nel foglio apposito rilasciato dalla CPAM?!

    Mi scuso per il poema,spero in una tua risposta,almeno su qualche punto al quale tu ci sei già passata e spero che questo possa essere di aiuto anche ad altre persone. Buona giornata.

    • IP ha detto:

      Ciao Marco, innanzitutto grazie per i complimenti che fanno sempre piacere. 🙂
      Qui tutte le risposte :

      – ogni volta che vengo assunto ho anche una copertura servita dalla “mutuelle”. ==> sicuramente la paghi, ma per essere attiva devi avere un numero di sécurité sociale ed effettuare le pratiche per registrarti ;
      – la differenza tra domicilio e residenza non esiste in Francia ==> https://www.italianipocket.com/leginews-domicilio-residenza-dimora
      – se hai un numero di sécu puoi richiedere i rimborsi in Francia, altrimenti in Italia
      – per avere un numéro di sécu… leggi il post. :-p
      – il tuo numero provvisorio comincia per 7, quello definitivo per 1. Se hai un numero pieno di zeri è finto, serve solo a riempire il campo sulla busta paga

      Per il resto :

      1. https://www.italianipocket.com/il-sistema-sanitario-francese-in-pratica/
      2. https://www.italianipocket.com/in-banca/

      A presto !

      p.s. se ti serve assistenza personalizzata contattami piuttosto via email per vedere se posso aiutarti ok?

      • Marco ha detto:

        Grazie mille per le tue risposte e la tua pazienza… ho visto ora il servizio che offri,magari in futuro potrei averne bisogno se mi trasferiró definitivamente in Corsica.. a presto ti auguro una splendida giornata.

  27. Ivan Mandara ha detto:

    Buongiorno, io abito in Francia e lavoro in Svizzera da due anni.
    Ho bisogno di ottenere un rimborso per spese mediche sostenute in Svizzera (circa 2.300chf per ambulanza e primo soccorso).
    Come posso avere un aiuto per compilare il foglio di rimborso che mi hanno dato alla Cpam?
    Grazie a chiunque potrà aiutarmi.

    • IP ha detto:

      Ciao Ivan la cosa più semplice è andare direttamente a un ufficio CPAM, oppure ci sono le istruzioni nella “notice” che dovrebbe essere allegata al foglio che ti hanno dato. Buona giornata

  28. Francesca de Liberato ha detto:

    Ma se per il numéro de securité sociale devo presentare l’estratto dell’atto di nascita,questo deve essere tradotto in francese o va bene anche in lingua diversa?
    Cordialmente,
    Francesca

Rispondi a CHRISTIAN ORRU Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.