Riciclate il vostro albero di Natale, please!
08/01/2018
Il Museo di Montmartre
22/01/2018
Tutti

Buon anno, fino a febbraio!

I vostri amici/colleghi francesi vi fanno ancora gli auguri di buon anno a metà gennaio? Normale !

Una piccola curiosità da avere sotto mano per integrarsi meglio in Francia e per non passare da maleducati : a partire dal 1° gennaio si comincia a fare gli auguri di buon anno e si continua… per tutto il mese!

Vi capiterà allora, a ogni inizio frase con chiunque, al telefono, per mail, tra amici o a lavoro, di sentirvi dire “Bonne année !” o “Meilleurs vœux !” anche a metà gennaio o a fine mese, quando ormai l’anno è bello che iniziato e le feste sono finite da un pezzo! Questo perché il bon ton prevede che si facciano gli auguri a tutti ma proprio tutti, e quindi si ha un mese intero a disposizione per farlo.

Allora, ogni volta che incontrate qualcuno che non avete ancora visto, o risentite qualcuno al telefono, cominciate la conversazione con un “Innanzitutto, buon anno”, oppure “Per prima cosa vorrei augurarle uno splendido 2018!”,  e un gran sorriso (come al solito), e avrete in cambio tutta la riconoscenza del popolo francese che vi considererà una persona integrata e bien élevée. 😉

Ah, dimenticavo : tanti auguri di buon anno! :-p

6 Commenti

  1. Graziella ha detto:

    E io che pensavo di essere in mezzo ai matti…prima o poi mi abituerò ai parigini…

  2. fabio mattoni ha detto:

    non ho commenti da fare al momento ma ho aperto il tuo blog per la prima volta e colgo l’occasione per farti i complimenti e a questo punto anche gli auguri di un buooonissssimo 2011…continua così,fabio.

  3. Ilaria ha detto:

    Vero, me ne sono accorta quando inviavo a Dicembre gli auguri ad alcuni parigini che un giorno mi hanno chiesto perchè li inviassi “tanto presto”… Loro mi rispondevano infatti a Gennaio inoltrato!!! Poi ci siamo chiariti, anche se io continuo ad inviarli prima di Natale e loro a rispondere a fine Gennaio!

  4. Valentina ha detto:

    Naturalmente buon anno, e tutti i miei migliori auguri di “bonne année et bonne santé” a tutte le lettrici e i lettori di IP !
    Scherzi a parte, ringraziate la decadenza dei costumi e l’imbarbarimento della Francia della V Repubblica, perché i manuali di galateo ottocenteschi (Louis-Philippe, per lo più) che mi è capitato di leggere,raccomandano come indispensabili una lunghissima serie di VISITE dell’anno nuovo, scaglionate e stemperate secondo una rigida etichetta gerarchica sull’arco di un paio di settimane almeno.
    Le vita non vi pare tutt’a un tratto semplice e indolore ? Non avete voglia di augurare ogni prosperità anche all’impiegara delle poste che incontrerete fra una settimana ?
    Il lato buono c’è : non occorre seccarsi la lingua il 1° gennaio per fare gli auguri a tutti, tanto c’è un mese di tempo…
    Sorridete e iniziate a smaltire le galettes des rois in attesa delle crêpes della chandleur !

  5. Lely ha detto:

    …vero è! Vivo qui da 2 mesi…e sentendomi al 15 gennaio un sereno “BUON ANNO!” mi sono stranita…ma la cosa è continuata per giorni, dunque ho realizzato ad esser io quella diversa per aver smesso di far gli auguri la sera del11! ^^

  6. Mauro ha detto:

    Qui cado dal pero! Ma non hanno altro da fare? Io già righio addosso a chi me li fa a Natale o al compleanno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi