Gli Afterhours alla Bellevilloise – vinci un ingresso !
17/04/2017
La mia Notte dei Musei 2017
05/06/2017
Tutti

Le sirene del mercoledì

Se si abita a Parigi da un po’ di tempo, c’è un evento un po’ fuori dalla norma a cui ad un certo punto però si fa l’abitudine: il primo mercoledì di ogni mese, a mezzogiorno preciso, si sente l’inquientante suono delle sirene da guerra! La prima volta che le ho sentite sinceramente sono rimasta alquanto allibita e mi sono anche un po’ inquietata, sembrava di stare in un film! Allora ho chiesto a un mio compagno di Università (e già! Ero ancora giovane! Ehehehe), che mi ha spiegato che le fanno suonare una volta al mese semplicemente per testarne il funzionamento: metti che arriva veramente un attacco aereo sono sicuri che almeno il segnale d’allerta funziona!

Ma entriamo un po’ più nei dettagli.

Le sirene, perché?

La rete di sirene, che è attiva dalla seconda guerra mondiale, fu concepita per allertare la popolazione in caso di minaccia aerea (bombardamento classico o nucleare), e può oggi essere utilizzata in caso di minacce militari e/o grandi catastrofi. Le sirene dell’RNA (Réseau National d’Alerte), 4500 in tutta la Francia, permettono di attirare rapidamente l’attenzione della popolazione.

Come riconoscere il segnale?

La Francia ha definito un segnale nazionale unico, composto da un suono che sale e scende, di tre sequenze di un minuto separate da un silenzio di cinque secondi. La fine dell’allerta è annunciata con un segnale continuo di trenta secondi. Il segnale test che si sente il mercoledì invece dura un solo minuto.

Insomma, se sentite le sirene, non è il primo mercoledì del mese e il segnale dura più di un minuto, mettetevi in salvo !! :-p

1 Comment

  1. Silvia ha detto:

    Hahaha grandissima, io da 4 anni che sono a Parigi e mi sono sempre chiesta perchè sentivo sta sirena ogni tanto..
    Finalemente conosco la ragione 😀 Grazie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.