Il digicode
01/08/2016
© flickr_stratman
Il cellulare: scheda o abbonamento?
05/09/2016
Tutti

La CAF e l’aiuto per pagare l’affitto

Ah Parigi! Ah, i francesi e le loro sigle! Una delle prime cose da imparare quando si arriva qui, è l’uso delle sigle e delle abbreviazioni, che vanno da restò (restaurant) a Mc’do (Mc Donald) e via dicendo. Ma tra le tante sigle assurde e inutili, ce n’è una che se venite ad abitare a Parigi non dovete scordare perché vi sarà molto utile: la CAF (Caisse d’Allocations Familiales).

Vi ricordo che per qualsiasi difficoltà nel gestire la CAF (che è l’organismo più ottuso e surrealista dell’amministrazione francese), posso occuparmene personalmente tramite l’agenzia di servizi. Dettagli e tariffe sul sito Paris pocket – Facilitateur de vie®.

Che cos’è?

La CAF è un organismo pubblico legato a quello che in Italia corrisponde alla ASL (più o meno), vi risparmio i dettagli.

Cosa fa?

La Caf aiuta finanziariamente le persone con redditi (molto) bassi attraverso svariati aiuti, tra cui L’AIUTO PER PAGARE L’AFFITTO (o parte del mutuo per la prima casa). La CAF fa un sacco di altre cose, ma in questo post mi concentrerò sull’AL .

Chi può avere gli aiuti?

I criteri di selezione sono molteplici e indecifrabili (e non li conosco in dettaglio), ma quelli fondamentali sono :

  1. avere UN CONTRATTO DI AFFITTO IN REGOLA (subaffitti, accordi vocali, affitti turistici e compagnia non fanno parte di questa categoria)
  2. avere un CONTO IN BANCA FRANCESE (è obbligatorio. Senza RIB francese non riuscirete neanche a completare la richiesta online)
  3. Poter GIUSTIFICARE DI UN MINIMO DI RISORSE
  4. Un NUMERO DI SECURITE SOCIALE francese vi faciliterà di molto la vita ma non è obbligatorio… ma accorcerà di molto i tempi. je dis ça je dis rien. ;-p

NO CONTRATTO IN REGOLA = IL PROPRIETARIO NON PAGA LE TASSE = NO AIUTO PER VOI (logico no?)

NO STIPENDIO FRANCESE = NON PAGATE LE TASSE IN FRANCIA = MOLTO DIFFICILE AVERE DIRITTO A QUESTO AIUTO SE NON VE LO PAGATE CON LE TASSE (logico no?)

I criteri di selezione sono molto severi e se arrivate in Francia senza un minimo di risorse che potete giustificare (aiuto dei genitori, lavoretto francese, borsa di studi, ecc…), avrete moltissime difficoltà per ottenere gli aiuti.

Per sapere SE e a QUANTO avete diritto, basta fare il TEST sul sito a partire da QUI.

In pratica

Dopo aver firmato il contratto di affitto vai QUI, rispondi alle domande e invia per posta i documenti richiesti alla fine della procedura. Bisogna aspettare un mese prima che il dossier venga trattato e, se si ha diritto agli aiuti, dopo un altro mese si riceverà il primo pagamento direttamente sul conto francese.

INFORMAZIONI IMPORTANTI SULLA PROCEDURA

  • Dopo aver compilato tutti i campi richiesti, scarica il tuo modulo precompilato in PDF. Mi raccomando salvalo perché:

– contiene il tuo numero allocataire che ti servirà per chiedere la password per accedere al tuo account ;

– devi spedirlo per posta insieme ai documenti indicati nell’ultima pagina

– c’è l’indirizzo della CAF dalla quale dipendi e alla quale devi spedire il tutto

  • Tutta la parte sul reddito, se non avete mai lavorato in Francia o non avete mai lavorato in generale, dovete lasciarla vuota e mettere 0€ ovunque.
  • Se avete lavorato in Italia, dovete indicare il vostro reddito percepito all’estero nell’anno in cui ve lo domanda il modulo.
  • Il reddito dei genitori in Italia non va dichiarato, quando venite in Francia non dipendete fiscalmente dai vostri genitori perché loro non lavorano in Francia e non pagano le tasse francesi.
  • Inutile fare domanda alla CAF prima di avere il contratto di affitto firmato.
  • L’aiuto all’alloggio si intende per appartamento, se siete in 5 a firmare il contratto il totale sarà diviso per 5 (nella domanda dovete indicare la VOSTRA parte di affitto).
  • Per étudiant boursier si intendono le borse di studio FRANCESI su criteri sociali. Se avete qualsiasi altra borsa di studio (compreso l’Erasmus o le borse di dottorato) NON SIETE étudiants boursiers e sono da considerarsi come un reddito.
  • Se vi chiedono di inviare cento volte lo stesso documento, inviatelo senza fare storie se volete che il dossier non venga bloccato.

Le tempistiche

Gli aiuti scattano dal primo giorno della registrazione della domanda sul sito, NON SONO RETROATTIVI e ci vuole minimo UN MESE per il trattamento del dossier.

Esempio: traslocate il 1° settembre, fate domanda il 3 ottobre, gli aiuti saranno calcolati dal 4 ottobre, ci vorrà un mese per il trattamento del vostro dossier e il primo versamento (con ottobre e novembre arretrati) arriverà a dicembre.

Se dopo un mese e mezzo dall’invio del dossier non avete nessuna notizia, contattate la CAF e chiedete se ci sono problemi.

I documenti richiesti

  • La lista approssimativa dei documenti richiesti la trovate QUI e anche scaricando il modulo dopo averlo copilato, come spiegato prima.
  • Vi chiederanno di sicuro un estratto di nascita in francese: inutile spendere soldi per farlo tradurre, ora i Comuni possono farvelo su modulo internazionale, basta farne la richiesta, è gratuito.
  • Se vi chiedono un documento che attesti che avete un minimo di risorse per vivere si tratta di una semplice autocertificazione, QUI potete trovare un modello.
  • Se non avete una copertura sanitaria francese vi chiederanno di sicuro un’Attestation d’affiliation de couverture (y compris CMU) couvrant les risques maladie et maternité che per voi corrisponderà alla TEAM (Tessera Sanita Europea). A seconda dell’ignoranza, dell’ottusità e della voglia di lavorare dell’impiegato che tratterà il vostro dossier, ci metteranno più o meno tempo a capire che la TEAM vale come copertura sanitaria anche in Francia e ve la chiederanno più o meno volte, voi continuate a inviare lo stesso documento all’infinito spiegando che siete europei e che è un documento valido (e in bocca al lupo!).

Dove inviare la richiesta e i documenti

Il modulo compilato e completo di tutti i documenti va inviato per posta alla vostra CAF. L’indirizzo dal quale dipendete sarà indicato nel PDF che stamperete.

ATTENZIONE: per ogni minimo cambiamento di situazione personale o professionale bisogna compilare e spedire l’Avis de changement de situation a partire dall’ ACCOUNT.

SE TORNATE IN ITALIA dovete semplicemente mandare una mail dal vostro account comunicando il giorno della partenza. In questo modo la Caf prenderà in conto la partenza e stopperà i pagamenti.

Il celebre modulo “Droit au séjour”

Una volta all’anno la CAF vi chiederà di aggiornare la vostra situazione per ricalcolare gli aiuti e riceverete, oltre al modulo per aggiornare le risorse, il celeberrimo modulo Droit au séjour.

Il DROIT AU SÉJOUR non corrisponde in nessun modo al TITRE DE SÉJOUR, inutile quindi sbraitare contro la CAF che non sa che siete europei e che quindi non avete bisogno del titre de séjour. :-p

A seconda della vostra situazione e in quanto europei, dovete poter giustificare il vostro droit au séjour :

  • se siete lavoratori dipendenti o freelance con contratto di lavoro, buste paga, ecc..
  • se siete studenti dovete essere iscritti a una scuola francese, avere una copertura sanitaria e garantire di avere le risorse necessarie per vivere
  • se siete inattivi o pensionati dovete giustificare che avete una copertura sanitaria e garantire di avere le risorse necessarie per vivere

Per maggiori informazioni clicca qui

1070 Comments

  1. Clara ha detto:

    Salve!
    sono arrivata da poco a parigi come studentessa normalmente iscritta in L1. Leggo ”se siete studenti dovete garantire di avere le risorse per mantenervi”. Le mie risorse al momento sono i miei genitori. Che però essendo italiani non pagano tasse francesi (a parte le mie universitarie direi). Cosa devo quindi fare?

  2. davide cammarata ha detto:

    salve

    Sono Davide.

    Dovrei trasferire forse in Francia per effettuare degli studi in scuole professionali di circo,anche della durata di due mesi.

    Al momento sono ancora in Italia.

    Alcune persone ,che hanno studiato in scuole di circo professionali(alcune riconosciute come universita’),mi hanno spiegato che si puo’ richiedere dei finanziamenti per pagare gli studi.

    Ma vorrei sapere se questa richiesta si possa fare online ancora prima di venire in Francia per avere la certezza di avere questi finanziamenti o no, per poi sistemare in tempi successivi la parte burocratica.
    Chiedo sul discorso delle certezze reali sui finanziamenti perche tali scuole mi hanno chiesto se ho risolto questa problematica nel frattempo. Ma io sono ancora in Italia a svolgere alcuni lavori.

    quindi se qualcuno mi potesse dare una mano e spiegare quale sarebbe piu idoneo per la mia situazione.

    ah inoltre ho 34 anni,quindi non so se ad alcune forme di finanziamento c’e’ il limite d eta’

  3. Petronela Cretu ha detto:

    Ciao, dal 1 settembre firmerò un contratto d’affitto in Francia e lavorerò a Monte Carlo dove devo pagare le tasse? Grazie!

  4. Francesco ha detto:

    Buongiorno, io a settembre affitterò una stanza in un appartamento che condividerò con altre 3 persone. Il contratto che firmerò però è solo tra me e il proprietario della casa (non si tratta di un contratto unico in cui dobbiamo firmare tutti e 4 i coinquilini) pertanto alla domanda della simulazione VOI AFFITTERETE L’APPARTAMENTO ? Devo selezionare la risposta SOLO. È corretto?

    • IP ha detto:

      Ciao Francesco, devi indicare le persone presenti nel contratto ufficiale, cioé solo te.
      p.s. spero che il proprietario faccia un contratto singolo per ogni stanza/coinquilino, altrimenti vorrebbe dire che sarai solo e solamente te il responsabile di tutto l’appartamento, visto che gli altri saranno nella completa illegalità. Attenzione perché in Francia le leggi esistono e soprattutto le fanno rispettare. 😉

      • Francesco ha detto:

        Ok grazie mille! Esatto, la proprietaria ha stipulato un contratto singolo per ogni coinquilino dell’appartamento quindi dovrebbe essere tutto ok.

  5. Adamo ha detto:

    Ciao vivo con la mia fidanzata a nice France a 4 mesi abbiamo un contratti d affitto a lungo termine possiamo fare richiesta per qualche aiuto

  6. Cristian ha detto:

    Buongiorno ,
    Causa covid ho dovuto concludere prima del previsto il mio soggiorno in francia .
    L’aiuto del caf continua ad arrivare , come posso fare per annullare “l’aiuto” ?
    Vado incontro a more nel momento in cui ho ritardato la chiusura del conto di qualche mese?

  7. Maria Teresa ha detto:

    Buongiorno
    Nel. 2018 ho vissuto in Francia per il mio secondo anno di magistrale, ad Avignone ed ho usufruito della caf, i cui versamenti arrivavano direttamente al crous che poi me li detraeva dall’affitto. Continuo a ricevere mail dalla caf nonostante il mio contratto di affitto sia terminato a giugno 2018 e non ho modo di accedere allo mio spazio perché non ho più l’identifiant e la caf non lo invia al di fuori della Francia. Come posso verificare che non stiano inviando dei soldi alla residenza e che poi magari li chiederanno a me quando si accorgeranno che il mio contratto era già concluso?
    Grazie mille

    • IP ha detto:

      Ciao Maria Teresa, chiamali (non ORA! Quando la pandemia sarà finita) e chiedi news. A volte se clicchi su “code oublié” puoi recuperare la password per mail e/o sul numero che avevi indicato se ce l’hai ancora. In ogni caso se hai comunicato all’epoca il tuo cambio di situazione non dovrebbero esserci problemi. Buona giornata.

  8. Gianma ha detto:

    Buongiorno, sono uno studente erasmus in Francia e vorrei sapere se come conto bancario è accettato anche un conto bancario francese ma ONLINE (AXA banque e via dicendo). Vorrei evitare la trafila in banca e tutto cio che comporta. TI ringrazio per l’ottima guida che ci regali.

  9. Giampaolo ha detto:

    Salve.
    Ho inoltrato la domanda al CAF ed ho ricevuto 2 mail “récapitulatif de vostre démarche en ligne” con indicati alcuni “pièces justificatives attendues”.
    Devo attendere una ulteriore richiesta specifica per l’invio di questi documenti o li devo inviare subito per posta o posso inviarli anche via mail e in questo caso a quale indirizzo?

    • IP ha detto:

      Ciao Gianpaolo,
      se nel tuo account non è apparso il link per inviare i documenti devi inviarli per posta. Indirizzo e informazioni sono nel PDF scaricato alla fine della procedura.

    • Maria Sciaccaluga ha detto:

      Buonasera ,da 5 anni risulto irreperibile in Val d Aosta in quanto ho vissuto x tale periodo in Tunisia a carico di mio figlio .La situazione è 1 po critica in quanto lui x motivi di lavoro 2 anni fa è partito x la Francia,premetto che lui è italo tunisino,ha lavorato fino a pochi mesi fa poi x mancanza di lavoro e il coronavirus è attualmente disoccupato.la miseria in Tunisia è forte e nonostante la situazione l ho raggiunto .Dimenticavo di dire che ho 62 anni ma solo 15 anni di lavoro.Ho affittato 1 casa intestandola a me sperando in 1 rimborso dell’affitto. Mi è stato richiesto “formulaire s1 “ma penso di non averne diritto .Volevo chiedere gentilmente è scusandomi x il mio dilungarmi se ho qualche speranza di aiuto e come posso fare .Grazie infinite x la sua gentile risposta !!!

  10. Francesca ha detto:

    Ho avviato la richiesta di aide au logement ma mi sono resa conto che il mio contratto d’affitto è troppo corto (se non sbaglio richiedono almeno 8 mesi di permanenza), come faccio ad annullare tutte le pratiche? Non trovo questa informazione sul sito ufficiale della CAF.

  11. Alice ha detto:

    Ciao Elena! Abbiamo letto la tua guida (molto utile) e abbiamo due dubbi:
    1) siamo due studentesse erasmus a Parigi ma siamo in possesso di partiva iva in Italia. Nella domanda dobbiamo dichiararci come studenti o professionisti? Specifichiamo che con la partita iva abbiamo sempre e solo lavorato in Italia dal 2019.
    2) non ci è chiaro il punto numero 3 della guida quando parli di “estero”. Noi nel 2018 abbiamo percepito un reddito in Italia come dipendenti di azienda. Dobbiamo dichiaralo nella domanda? O essendo stato percepito in Italia non conta?
    Grazie mille!

    • IP ha detto:

      Ciao Alice,
      se siete iscritte a un’università francese siete “studentesse” con un’attività professionale.
      Quando parlo di estero parlo di “non Francia” quindi se avete avuto redditi in Italia dovete dichiararli.
      Spero di essere stata utile! A presto!

  12. Francesca ha detto:

    Ho fatto la domanda online ma mi viene richiesto questo documento per poterla completare: “Titre de séjour en cours de validité”.
    Cos’è?

    • IP ha detto:

      Ciao Francesca, questo documento è richiesto ai non europei.

      • Francesca ha detto:

        E come posso fare per fargli capire che io sono europea e quindi non devo presentarlo? Me lo richiedono per poter lavorare il dossier, devo caricarlo sul sito quando presento la domanda online.

  13. elena ha detto:

    ciao, cosa intendi per barare? intendi sbagliare a compilare i moduli?

    • IP ha detto:

      Ciao Elena, errare è umano (basta correggersi e comunicare l’errore), barare (ingannare, imbrogliare, truffare, frodare, comportarsi disonestamente…) è illegale e da “furbacchiotti”. ;-p

  14. Giuseppe ha detto:

    Buongiorno mi chiamo de Robertis Giuseppe vivo in Corsica siamo io e mia moglie io sono disoccupato e anche lei è disoccupata.
    Prendo la disoccupazione francese credo 1300€ al mese per 4 mesi.
    O un contratto di locazione per un affitto di € 400,00 o diritto ad un aiuto?

  15. Francesca ha detto:

    1) Non ho ancora un lavoro in Francia, c’è una minima possibilità che possa ottenere il CAF?
    2) Come faccio a far capire, in fase di compilazione della domanda, che il mio ultimo reddito si riferisce al mio ultimo lavoro in ITALIA e non in Francia?

    • IP ha detto:

      Ciao Francesca,

      1) cfr spiegazioni del post;
      2) a seconda della data in cui lo compili ti chiedono loro di che reddito hanno bisogno e devi inserire quello corrispondente all’anno che ti chiedono.

      • Lucrezia ha detto:

        Salve, l’eventuale contribuito di una borsa di studio italiana viene considerato come reddito o essendo una studentessa devo comunque lasciare vuoto?

        • IP ha detto:

          Per étudiant boursier si intendono le borse di studio FRANCESI su criteri sociali. Se avete qualsiasi altra borsa di studio (compreso l’Erasmus o le borse di dottorato) NON SIETE étudiants boursiers e sono da considerarsi semplicemente un reddito.

    • Ilenia ha detto:

      Ciao, come faccio a fare domanda per una casa popolare? Quali documenti ci vogliono e quali sono i requisiti??? Noi siamo una piccola famiglia con un bimbo di 3 anni. GraZie

Rispondi a Claudia B. Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.